Rinko Kawauchi -  Illuminance

Aperture, 2011

Celeste e verde all’ottanta per cento o almeno al cinquanta. Vento, neonati, cime grosse di alberi decadenti e pesci decaduti. C’è poco d’immaginario e molto di quel banale eccezionale incredibilmente rappresentato in Illuminance (Weightless Light, in versione originale americana).
05-illuminance

 

Come suggerito da David Chandler, saggista del libro, e come una ninna nanna, questo favoloso volume narra fondamentalmente l’universo delle passioni dell’autrice in singole e magistrali solitudini.

Epistemologicamente inteso come indagine semiotica, riprodurre il banale eccezionale è il leit motiv di una Rinko Kawauchi che, alla dodicesima pubblicazione, vanta un repertorio d’immagini solitarie vastamente elegiaco.
SONY DSC

 

La purezza, unita alla consuetudine del gesto fotografico, traghetta in quella particolare complicità femminile in cui forse l’operazione più potente e radicale è proprio nello svelare il piacere della ripetizione, una garanzia per il lettore innamorato.
01-illuminance

 

L’esposizione, divenuta consolatrice, accresce un senso di appartenenza che “fascia” testualmente al racconto, estirpa il fiato fino all’ultima foto, apparentemente marginale ma prepotentemente unica.
04-illuminance

 

Ecco scoperto un nuovo approccio fotografico, molto istintivo e altamente informale, insaziabile e diretto in cui l’autrice vive il bipolarismo tra la sincerità e la giustezza delle immagini e un meraviglioso inganno per gli occhi. L’epifania di un gioco, un girotondo di immagini nella combinazione di un revival.

Sebbene la registrazione della realtà sia una regola, parallelamente a questa direzione, R.W. apre la strada all’invenzione della ricercatezza quasi chirurgica, della verosimiglianza delle proprie fantasie e di quelle immagini mentali che ricreano una realtà tutt’altro che reale, piuttosto dannunzianamente cifrata in sofisticate e teatrali regie.
02-illuminance

 

Questo è l’edificio narrativo di Illuminance, fabbricato con l’attitudine lenta, tipica della società orientale, che fa presagire una lunga e paziente attesa e che rende noi, eccentrici spettatori d’occidente, disarmati in un’ottica dove gli attivatori sensoriali si misurano a colpi di magia.

 

03-illuminance

La fotografa giapponese Rinko Kawauchi (nata a Shiga, Giappone, 1972) ha studiato graphic design e fotografia al Seian Junior College of Art and Design. E’ entrata nella scena fotografica nel 2001, pubblicando contemporaneamente tre album fotografici – Utatane (Pisolino), Hanabi (Fuochi d’artificio) e Hanako (Fiore di bambina). Dopo Illuminance, ha pubblicato Light and Shadow e Illuminance, Ametsuchi, Seeing Shadow.

Ha vinto il 27º Ihei Kimura Photography Award, 2002 e l’ International Center of Photography Infinity Award in Art, 2009, ed è stata finalista al 2012 Deutsche Borse Prize. Le mostre personali includono: Fondation Cartier, Paris; Photographers Gallery, London; Galleria Carla Sozzani, Milano; Hasselblad Center, Göteborg, Sweden; e Museum of Modern Art, São Paulo.

La personale di Illuminance si è tenuta presso la Hermès Gallery (NY) nel maggio del 2011.

Illuminance presenta 176 fotografie fatte in oltre 15 anni, le quali hanno sublimato il lavoro di Utatane. E’ stato pubblicato in 5 paesi differenti.

Rinko Kawauchi è a Tokyo dove vive e lavora.

Hardcover: 352 pages
Publisher: Aperture; First Edition edition (July 31, 2011)
Language: English
ISBN-10: 1597111449
ISBN-13: 978-1597111447
Product Dimensions: 11.3 x 8.7 x 1.2 inches

www.rinkokawauchi.com

A cura di Valentina Isceri