Vincenzo Castella – Fotografo, Italia

“Geografie urbane”

LS: In che misura il suo desiderio di conoscenza e la sua curiosità intellettuale hanno alimentato e sostenuto la sua ricerca personale? Quali sono stati gli artisti visivi che hanno influenzato maggiormente i suoi esordi?

VC: La ricerca si è definita quando ho visto convivere il desiderio di conoscenza diciamo allo “stato gassoso” con lo scandire delle azioni piatte di tutti i giorni. In fondo che cos’è la ricerca personale se non il sostegno dei gesti concreti quotidiani e ripetuti? Possiamo parlare di un passaggio allo “stato solido”. Sono stato fortunato all’inizio quando sono stato molto aiutato dai lavori dei pittori: Carel Fabritius, Jan Vermeer e Giovanni Bellini. Per il cinema documentario Robert Flaherty è stato il mio favorito. Per la fotografia Charles Sheeler, Paul Strand e Walker Evans, per i secessionisti, Alvin Langdon Coburn e Karl Struss. Subito dopo, Bernd e Hilla Becker, Ed Ruscha e Art Sinsabaugh.

Vicinity Ma'aleh Adumim #10271 – 2007

Vicinity Ma’aleh Adumim #10271 – 2007

Gerusalemme (Deserto della Giudea) #10276 - 2007

Gerusalemme (Deserto della Giudea) #10276 – 2007

LS: Nel 1974 lei ha partecipato come chitarrista al terzo album di Alan Sorrenti. Shawn Phillips, gli Osanna, Toni Esposito… La Napoli dei ’70 era davvero effervescente e vivace, una porta verso l’Oriente e il Mediterraneo. Luciano Cilio, in “Dell’Universo Assente” raggiunse vette di rara bellezza, intensità, spiritualità. Un grandissimo musicista napoletano scomparso nel 1983, misconosciuto e dimenticato in patria, ma apprezzatissimo negli ambienti avant internazionali. Conosce la sua musica?

VC: Ho seguito un po’ il lavoro Luciano Cilio, è stato grande. Aveva anche inciso tracce musicali nel precedente album di Alan Sorrenti. Io ho inciso nel terzo album (’74/’75) con tappeti sonori eseguiti con vari tipi di chitarre, chitarra elettrica spenta, amplificata e chitarra acustica e mandolino elettrico.  Ho sperimentato vari modi di incidere sotto la guida di Paul Buckmaster. Ricordo i suoi continui inviti a suonare poco, ricordavano i consigli di Miles Davis a John Mclaughlin in “In A Silent Way” ’69: “Suona la chitarra come se non sapessi suonarla”… L’avanguardia di allora, di cui Cilio faceva parte, era veramente straordinaria, un grande “asset” per la cultura occidentale. A pensarci bene adesso si può vedere un limite nell’impianto metodologico degli strumenti concettuali e in una concezione vecchia della creatività di base. Ma è servito per prepararsi ad affrontare la questione del classico e ad allontanarsi ancora di più dal vecchio impianto creativo della cultura accademica…. almeno per me.

Gerusalemme (Deserto della Giudea) #10303 – 2007

Gerusalemme (Deserto della Giudea) #10303 – 2007

LS: La musica la appassiona ancora? Quali sono i suoi ascolti preferiti attualmente?

VC: Sì, moltissimo. È un po’ cambiato il mio rapporto con gli “ascolti”. Questi sono diventati più solitari, sporadici e frammentari però molto meno legati all’enfasi, alla retorica ipnotica delle liturgie collettive. Mi piace ribadire che da sempre la musica e i musicisti sono sempre in anticipo. Ascolto il blues, la musica africana, iraniana, come pure la musica antica dei trovatori e il rock di adesso, nelle sue varie forme, per esempio lo Stoner Rock mi attrae molto anche se come direbbero gli americani: “it is not my cup of tea”.

Gerusalemme (Deserto della Giudea) #10292 - 2007

Gerusalemme (Deserto della Giudea) #10292 – 2007

LS: In che modo le sue ossessioni e le sue visioni hanno alimentato la sua ricerca artistica?

VC: Non so se si può parlare di modo, a un certo punto si è rinforzata la fusione tra l’ossessione e la visione, naturalmente vissute in modalità H 24.

Istanbul #0 - 2010

Istanbul #0 – 2010

LS: “La mia forma d’arte è il viaggio fatto a piedi nel paesaggio… La sola cosa che dobbiamo prendere da un paesaggio sono delle fotografie. La sola cosa che ci dobbiamo lasciare sono le tracce dei passi”.
Hamish Fulton

Queste parole mi hanno ricordato la sua lettura sulle tracce, sugli scarti della memoria, sull’accumulo e la sedimentazione di strati di città contemporanea in quella storica. Mi sembra che questo abbia molto a che fare con le sue vedute urbane, con l’inventario e la rappresentazione della città e del suo paesaggio culturale.

VC: Vero, e per quello che attiene al paesaggio siamo entrati in un quadro leggermente modificato… direi che forse non dobbiamo neanche più “prendere”, ma piuttosto imparare ad esserci. Lavorare sulla visione e condividere documenti, archivi ed esperienze, per un artista è la cosa più importante.

Napoli #09 – 2006

Napoli #09 – 2006

LS: L’importanza delle regole: in che modo il “metodo” condiziona la sua ricerca fotografica?

VC: Molto, moltissimo. Tutto il mio lavoro recente è basato sulla misurazione della distanza tra sistema e metodo. Il metodo a differenza del sistema incorpora come manifesto sociale e politico l’avversione per la funzionalità e la convenienza. Aderire al sistema (oltre a frequenti e tragicomiche confusioni lessicali e terminologiche) prevede una specie di fede nel successo, l’ossessione della produzione, l’angoscia del presenzialismo, l’uso dell’outsourcing e l’amore sconfinato per il cosiddetto “mainstream”.

Madrid # 7 - 2006

Madrid # 7 – 2006

IMG-LAT3-632x500

Torino, Da Piazza Statuto #1 – 2002

LS: “L’architettura è porosa quanto questa pietra. Costruzione ed azione si compenetrano in cortili, arcate e scale. Ovunque viene mantenuto dello spazio idoneo a diventare teatro di nuove impreviste circostanze. Si evita ciò che è definitivo, formato. Nessuna situazione appare come essa è, pensata per sempre, nessuna forma dichiara il suo “così e non diversamente”. E’ così che qui si sviluppa l’architettura come sintesi della ritmica comunitaria: civilizzata, privata, ordinata solo nei grandi alberghi e nei magazzini delle banchine – anarchica, intrecciata, rustica nel centro in cui appena quarant’anni fa si è iniziato a scavare grandi strade”.

Walter BenjaminImmagini di Città, prima pubblicazione: Neapel, Frankfurter Zeitung, 1925

La fotografia, come (la) scrittura, ha la capacità di creare punti di vista, metafore, tracce, possibili percorsi, digressioni sul reale. Ce ne vuole parlare?

VC: Il modo in cui uso il linguaggio della fotografia si lega alla scelta dello “Showing” e della dislocazione non necessariamente causale degli episodi, quasi in modalità più strutturalista, il tracciato testuale senza la presenza paternalistica del narratore. L’aggettivo ‘fotografico’ si lega propriamente e impropriamente a molteplici sostantivi: testimonianza, prova, documento, riflessione, senso… istinto, ma si tratta di un’azione di trasferimento a partire dalle apparenze, di un oggetto scelto, mediante proiezione ottica su una superficie sensibile alla luce! Descrivibile come un vero atto migratorio di oggetti solidi spostati e ridimensionati da un territorio ad un altro. Questa trasformazione dei documenti va in una direzione non facilmente tracciabile. I resoconti etnografici e la simultaneità delle interpretazioni creano un vortice iconografico a cui non è possibile sottrarsi. Non so esattamente dove sta andando la ricerca antropologica di adesso, certo non nella direzione in cui si muove la sociologia alla moda e trasformista che si applica quasi fosse un aggettivo a tutto quello che si vede muovere intorno… Lo studio appassionato delle culture porta inevitabilmente al coinvolgimento personale (al quale tradizionalmente si resiste, non si può appartenere solo all’osservazione), ma esso conduce infine a ragionare sui fenomeni che tentano di spiegare qualcosa della vita, cioè l’Arte.

Napoli #01 - 2002

Napoli #01 – 2002

LS: Il colore è parte del suo linguaggio espressivo. Perché ha fatto questa scelta? In che modo è mutata la percezione collettiva del colore e il suo significato culturale?

VC: Non è stata una vera e propria scelta, non ha niente a che fare con questioni estetiche o creative. Se ritorno al tempo in cui ero un adolescente, mi accorgo che il modo di sognare o più semplicemente il dispositivo per ricostruire i sogni diventava sempre più a colori. Ho vissuto e misurato questo passaggio, finalmente “l’editing del sogno” dal bianco e nero originale della prima televisione e dei fumetti giovanili, dapprima con l’inserimento di sporadiche tavole a colori, si trasformava e passava definitivamente ad una specie di Full Color… catodico. Quindi l’uso dei supporti a colori è diventato velocemente e irrinunciabilmente un soggetto a disposizione, parte dei miei contenuti.

Amsterdam - 2000

Amsterdam – 2000

Malpensa, Milano - 2002

Malpensa, Milano – 2002

LS: Nella sua opinione la fotografia può essere un atto rivoluzionario? Quanto questa può essere capace di rinnovare il suo linguaggio per scardinare un radicato pensiero reazionario?

VC: Certo che sì! E’ nella natura del linguaggio della fotografia creare uno scarto rispetto alle aspettative, quindi ridefinire i valori al di là delle convenienze e delle buone maniere. Evidentemente quello che conta non sono tanto i risultati ottenuti e il suo numero di varianti stilistiche, ma la centralità dell’oggetto visivo, che spesso è definita dal percorso per arrivarci.

Rosa al binario 21, Milano - 2013

Rosa al binario 21, Milano – 2013

LS: L’Italia è un paese con profonde radici culturali, ma nonostante questo, a differenza di altri paesi, la fotografia sembra occupare ancora un ruolo marginale. Per quale motivo nella sua opinione?

VC: La difficoltà di guardare al contemporaneo è tradizionalmente una triste esperienza del nostro impianto accademico che si riflette ovviamente sulla didattica. La fotografia sembra occupare un ruolo ancora fortemente amatoriale e stilisticamente evoluzionista. Sotto un altro aspetto è elitaria, troppo creativa e derivativa e raramente produce dei risultati testuali. In sintesi, quando guardiamo dei lavori visivi difficilmente vediamo oltre attraverso quell’esperienza. Ci limitiamo a contemplare in modo statico, l’esperienza dell’altrove, dell’ ”attraverso”, del “conspectus” non ci sfiora minimamente… e l’immagine non si forma, non diventa testo non insegna e non si impara “da e tramite essa”. Ma non è colpa soltanto nostra se siamo fondamentalmente degli analfabeti visivi, e però a pensarci bene questo non avviene solo in Italia.

Milano #01 – 2012

Milano #01 – 2012

Gesturi, Sardegna #01- 2012

Gesturi, Sardegna #01- 2012

LS: In Italia ci sono stati progetti collettivi come “Viaggio in Italia” (1984), “Archivio dello spazio” (1987-1997) o Linea di Confine (1990-), capaci di creare importanti opportunità di confronto per lo sviluppo di una visione identitaria del territorio e del paesaggio. Nella sua opinione come sono mutate quelle esperienze? Che idea ha della fotografia italiana oggi?

VC: L’atteggiamento degli anni ’80 di riscoprire quello che era alla portata dei nostri occhi cioè quel tipo di documentarismo asciutto e graficamente definito è rapidamente diventato una specie di stile internazionale un po’ svuotato rispetto all’approccio iniziale appassionato, provocatorio, interrogativo e quasi rivoluzionario di ridefinizione attraverso dispositivi semiindustriali. Rapidamente è diventato una sorta di mainstream, autoreferenziale e noiosissimo…

Rimini - 1981

Rimini – 1981

LS: A cosa sta lavorando adesso? Quali progetti ha in mente per il 2014?

VC: Faccio e farò ancora fotografie dell’urbanizzazione o comunque “della vicinanza“ e delle possibili relazioni identitarie tra le cose. Per quanto riguarda i lavori sui territori “sul campo” sto sperimentando una specie di Metodo Forense che prevede la riproposizione dei documenti ricostruendo a partire dalla fine, dalle ossa. Dal 2007 ho realizzato installazioni con video in animazione, muovendomi nelle immagini fisse con itinerari incrociati spesso multipli, quasi come una macchina da presa virtuale. Il progetto è stato accolto e presentato ad “Art Unlimited, Art Basel 2008”. Adesso sto lavorando con le riprese fisse cinematografiche in 4K. Che succede se guardiamo come fossero immagini i 24/25 frames contenuti in un secondo di tempo di ripresa? Chissà che io non capisca qualcosa di più sul senso reale del “tempo dell’immagine”… ma vedremo.

Intervista a cura di Gianpaolo Arena