Cyrille Weiner - Photographer, France

” The Space Between “

LS: You have some ideas you want realize. How do you develop your project?

CW:I have a framework for my project, which is the confrontation of planned spaces with the way people appropriate them, both physically and mentally. I find contemporary places too normative, leaving little space for improvisation, individual initiatives and freedom. That is why I  search for places that give me a deep sense of freedom. I am interested in the margins. Planners fear the margins but in a lot of domains, not only urban planning, margins are where you can find innovation and creative spirit. I like the quotation from Siegfried Kracauer : « The worth of cities is determined by the number of places devoted to improvisation», which  is an interesting framework for looking at my works and my project. About its development, it is close to my life, both personal and professional. It is made of personal research, collaborations and exchanges,  personal works and commissions from architects, planners, urban or art institutions. I mix small or short term projects with long term ones, always keeping in mind my photographic project. This leads to series that are in many ways connected to each other. Sometimes i re-collect images or pieces of works to compose a new series, the way I partly did for Le Ban des Utopies. I try not to format a project before I start. It is an in-progress open process.

LS: Do you do any particular research on the territory while working on the project?

CW: I do not do intensive research. Emotion is important in my relation to spaces, and documenting is not the main end. I don’t want to know much when i am on the field, to preserve my sensitivity and a kind of sensual link to places and their imaginery. I tend to collect documents and informations after, once I have a personal point of view. I did more research for my abroad project in Brasilia.

LS: Every place or landscape is full of meanings and particular stories. What  does it mean for you to photograph in Europe?

CW: I mostly photograph in France. It is important for me to manage to understand well what I photograph and to give me time, even though I don’t want the shooting period to last too long. In the end, my projects are not documentary. I develop a plastic formal language that uses reality as a material. The meaning is important. But the physical places are not so. I mean i pay more attention to what they mean, evoke, than what they really are (geographically and socially speaking). It is a process of representation where ideas are expressed in images. It goes beyond places. This mean the reality of a place is not important as far it can be a material to express an idea.  The stories are my own…

I would say France is an interesting field for my work because I find a wide range of spaces which do not carry a strong universal imaginary. It would be much more difficult for me –I believe – to photograph in the United States for instance, where each  street corner, each piece of road or landscape can refer to a movie or a photograph. On the other hand, i would be stimulated to find iconic elements from another country in France.

LS: What are you working on right now?

CW: I am working on several projects. As  said before,  mix short term projects with longer ones, and. To give you a more precise idea : I decided years ago to scale the rythm of one of my project with the rythm of an important regeneration program in the suburb of Paris. It started in 2001 with Avenue Jenny. I am also starting to work on a new personal project that I imagine as a tribute to Jacques Tati’s Playtime. I started a few months ago on a commissioned art project in Lyon. It deals with a contemporary re-interpreation of modernist utopia and the place of contemporary art in the city. I am also making a book on a new building. A very interesting contemporary architecture in Dordogne. It is commissioned by the architect and the art director of the book. I work a lot on architecture commissions, and I can express myself very freely. Randomly,  I am looking at fairs like I did in the Jours de Fêtes series. I do not like fairs so much  in themselves, but I strongly believe they are images of colourful joy in cities. Western Cities lack this. It’s a kind of metaphore.

Jours de Fetes

LS: Speaking about your project “Presque Île” we can see different forms of human settlements, how people inhabit places and try to relate to landscape. How do you want people to respond to the pictures you take?

CW: The Presque Île exhibition and book are the fruit of a residency at the villa Noailles. The only constraint of the residency is the territory, you have to do something in Hyères or around it. I wanted to do something more universal and less documentary than what had been done during the previous residencies. I wanted to photograph things that everyone can see, to confront the reality of the coastline with my own imaginary.

Presque Ile

A great number of visitors werw very familiar to the places photographed but wished to show them in a very personal and photographic way.  Some people were astonished by the way i photographed, avoiding the shiny sunny pick of the summer season of this area… This was part of the project, to focus on the mid-season. Generally speaking, i am looking for a very simple, pure formal language. I am interested in using a realistic, almost naive image to try and produce meaning, or emotion, to stimulate the imagination, but from an image of the world as I imagine that can be seen by everyone. That is why I use medium and large format. When working on artistic commission related to urban planning, as I did for Les longs murs in Marseille, I like the idea of confronting planners with a reality that they otherwise would not see, or chose not to. The different levels of meaning of the images and the realistic formal expression are part of these projects.

Les Longs Murs

LS: What has been your favorite photo-book in the last few years?

CW: The two portraits of cities Santulussurgiu and Tulle by Patrick Faigenbaum impressed me a lot with their simple, but very deep sensitivity and sensuality, and the beauty of the images. I love going back to these two books regularly.

 

www.cyrilleweiner.com

Interview by Gianpaolo Arena

 

Cyrille Weiner - Fotografo, Francia

” The Space Between “


LS:Ha qualche idea che desidera realizzare. Come sviluppa il suo progetto?

CW: Ho un quadro di riferimento per il mio progetto, che è il confronto degli spazi previsti con il modo in cui le persone se ne appropriano, sia fisicamente che mentalmente. Trovo i luoghi contemporanei troppo normativi, lasciando poco spazio all’improvvisazione, le iniziative individuali e la libertà. Ecco perché ricerco luoghi che mi danno un profondo senso di libertà. Sono interessato ai confini. I progettisti hanno paura dei confini, ma in molti settori, non solo la pianificazione urbana, i confini sono dove si possono trovare innovazione e spirito creativo. Mi piace la citazione di Siegfried Kracauer: «Il valore delle città è determinato dal numero di luoghi dedicati all’improvvisazione», che è un quadro interessante per guardare i miei lavori e il mio progetto. Il suo sviluppo , è vicino alla mia vita, sia personale che professionale. È fatto di ricerche personali, collaborazioni e scambi, opere personali e commissioni da architetti, progettisti, istituzioni urbane o artistiche. Mescolo progetti a lungo e breve termine, tenendo sempre in mente il mio progetto fotografico. Questo ha portato a serie che sono per molti versi collegate l’una all’altra. A volte raccolgo nuovamente immagini o parti di opere per comporre una nuova serie, in maniera simile a come parzialmente ho fatto per Le Ban des Utopies. Cerco di non formattare un progetto prima di cominciare. Si tratta di un processo aperto ancora in corso.

LS: Esegue una ricerca particolare sul territorio mentre lavora al progetto?

CW: Non faccio un’intensa attività di ricerca. L’emotività è importante nel mio rapporto con gli spazi, e la documentazione non è il fine principale. Non voglio sapere molto quando sono sul campo, al fine di preservare la mia sensibilità e una sorta di legame sensuale ai luoghi e al loro immaginario. Ho la tendenza a raccogliere documenti e informazioni dopo, una volta che ho un punto di vista personale. Ho fatto più ricerche per il mio progetto all’estero a Brasilia.


LS: Ogni luogo o paesaggio è ricco di valore e di storie. Che significa per lei fotografare in Europa?

 

CW: Per lo più fotografo in Francia. E’ importante per me riuscire a capire bene che cosa fotografo e darmi tempo, anche se non voglio che il periodo di fotografia duri troppo a lungo. Alla fine, i miei progetti non sono documentari. Sviluppo un linguaggio formale plastico che usa la realtà come materiale. Il significato è importante. Ma i luoghi fisici non sono così. Voglio dire, io presto più attenzione a quello che significano, evocano, piuttosto che a ciò che realmente sono (geograficamente e socialmente parlando). Si tratta di un processo di rappresentazione in cui le idee sono espresse in immagini. Va al di là dei luoghi. Questo significa che la realtà di un luogo non è importante, proprio come un materiale per un’idea. Le storie sono le mie … Direi che la Francia è un campo interessante per il mio lavoro perché posso trovare una vasta gamma di spazi che non siano portatori di un immaginario universale forte. Sarebbe molto più difficile per me – credo – fotografare negli Stati Uniti per esempio, dove ogni angolo di strada, ogni pezzo di strada o paesaggio possono fare riferimento a un film o una fotografia. D’altro canto, sarei stimolato a trovare elementi iconici di un altro paese in Francia.


LS: A cosa sta lavorando in questo momento?

 

 

CW:Sto lavorando su diversi progetti. Come ho detto prima, il miscuglio di progetti a breve termine con quelli più lunghi, personali e commissionati. Per darvi un’idea più precisa: Decisi anni fa di associare il ritmo di un mio progetto con il ritmo di un programma di rigenerazione importante nei sobborghi di Parigi. Iniziò nel 2001 con la serie Avenue Jenny, ed è ancora in corso. Questo significa a lungo termine … Vorrei chiudere questo progetto presto, ma è difficile da gestire.

Avenue Jenny

Sto anche iniziando a lavorare su un nuovo progetto personale che immagino come un tributo al Playtime di Jacques Tati. Ho iniziato qualche mese fa su un progetto artistico commissionato a Lione. Si tratta di una re-interpretazione contemporanea della utopia modernista e il posto dell’ Arte Contemporanea in città. Sto anche facendo un libro sulle nuove costruzioni. Un’architettura contemporanea molto interessante in Dordogna. E ‘commissionata dall’architetto e direttore artistico del libro. Lavoro molto sulle commissioni nell’architettura, e posso esprimermi molto liberamente.

In maniera casuale, sto osservando delle fiere come ho fatto nella serie Jours de Fêtes. Non mi piacciono le fiere in se stesse, ma sono fermamente convinto che sono immagini di gioia colorata nelle città. Ciò manca nelle città occidentali. E’ una sorta di metafora.

 

Jours de Fetes

LS: Parlando del progetto “Presque Ile” possiamo vedere le diverse forme di insediamenti umani, come le persone abitano i luoghi e come cercano di relazionarsi al paesaggio. Come vuole che la gente reagisca alle foto che scatta?

 

 

CW: La mostra Presque Île e il libro sono il frutto di una soggiorno presso la villa Noailles. L’unico vincolo della residenza è il territorio, è necessario fare qualcosa a Hyères o lì intorno. Volevo fare qualcosa di più universale e meno documentario di quanto era stato fatto durante i precedenti soggiorni. Volevo fotografare cose che tutti possono vedere, per confrontare la realtà della costa con il mio immaginario personale.

 

Presque Ile

 

 

Un gran numero di visitatori, avevano molta familiarità con i luoghi fotografati, ma volevo mostrarli in maniera molto fotografica e personale. Alcune persone erano stupite dal modo in cui fotografavo, evitando il momento luminoso di sole più acuto della stagione estiva di questa zona nel sud della Francia … Questo era parte del progetto, quello di concentrarsi sulla stagione intermedia. In generale, sto cercando un linguaggio formale molto semplice, puro. Sono interessato ad usare un’immagine realistica, quasi ingenua per cercare di produrre significato, o emozione, per stimolare l’immaginazione, ma un’immagine del mondo come io immagino che può essere vista da tutti. Questo è il motivo per cui uso il medio e il grande formato. Quando si lavora su commissione artistica legata alla pianificazione urbana, come ho fatto per Les long murs a Marsiglia, mi piace l’idea di mettere faccia a faccia i progettisti con una realtà che altrimenti loro non vedrebbero o non sceglierebbero di vedere. I diversi livelli di significato delle immagini e l’espressione formale e realistica sono parte di questi progetti.

Les Longs Murs

LS: Qual è stato il suo libro fotografico preferito in questi ultimi anni?

 

 

CW:I due ritratti delle città di Santulussurgiu e Tulle di Patrick Faigenbaum mi hanno colpito molto per la loro semplice, ma molto profonda sensibilità e sensualità, e la bellezza delle immagini. Mi piace tornare regolarmente a guardare questi due libri.

 

 

www.cyrilleweiner.com

Intervista a cura di Gianpaolo Arena

Ha qualche idea che desidera realizzare. Come sviluppa il suo progetto?