Danielle Van Ark – Photographer, Netherlands 

“The Mounted Life”

LS: The Taxonomy embraces, also, the branch of zoology (the classification of animals) in ‘The Mounted Life’ shows a series of stuffed or plastic animals. Basically what’s the idea of  “ The Mounted Life “ series ?

DVA: I started this series from a different starting point, I was taking black and white portraits of stuffed animals. While doing so, behind me was a donkey standing there, looking at the door the whole day…. So after I saw that and photographed it, I felt right away this was interesting. I was thinking that this kind of setting should be more to find and started to email Natural History Museums in the Netherlands if I could photograph their collection in storage rooms. I’m an observer and a bit of a voyeur. I observe how unintendedly sceneries or situations happen, especially in places that are not meant to be seen to others then people who have business there. The idea is to document these dead objects that are a replica of their old self, and are put away by a museum employee in a way that they come alive again or start a dialogue with each other.

LS: How would you distinguish your position or interests from that of Hilla and Bernd Becher? If I think of taxonomy and photography, they seem to me a pivotal reference.

DVA: In a way I think I work similar, in most of my series I start from a same perspective or idea and continue that throughout the body of work. I also work observing a lot and without any interference. I am very pure in documenting what I find and not ‘creating’ something that isn’t there from the start. I only do that with the angle I photograph from. But unlike the Bechers, I don’t want to show my work as objective and neutral as possible, I want to create something that is open for interpretation, warm and possibly sad, funny or dramatic.

LS: Has this body of work changed the way you look at the world or is it a kind of visualization of it?

DVA: No, it’s a project that’s been in my life now for five years and people have tended to connect me a lot with taxidermy in the last couple of years. I’ve learned a lot about this subject and seen how museums all have their own way of storing objects and dealing with them. But it didn’t change the way I look at things. I’ve found out that I approach all my subjects in the same kind of way. Be it an office, flowers or dead animals…

.

LS: You have chosen a place of scenery, ‘a no place’ to photograph the animals. Anonymous warehouses where animals are placed. Which idea do you want to give? How do you choose the places where to set your shots?

DVA: I wanted to create something that wasn’t shown, or was so familiar yet. In the museums everything is very thought out, every inch must have been debated a million times. But behind the scenes it’s a complete different world. In the same building you’ll find everything in between chaos and perfection. It’s always a surprise what I will walk into. The contrast between the two facts I photograph, the space and ‘animals’ couldn’t be bigger. The environment they are placed in, mainly concrete walls couldn’t be further away from their natural habitat, but still these objects look and feel real. In my pictures contrast is important. I look for two renderings that clash with each other or that are not supposed to be seen in the way I show them. After having the initial idea for this series, I really don’t choose anymore. I tried to find as many museums in my reach, so far I have photographed 33 in Europe and the USA and I am looking for more, tips are welcome!

 LS: Having said all of this, it seems that the question of landscape and where it comes from is one that is calling you.

DVA: I am interested in the history of things, where it came from and how it got there, but that would be more the background information for this project. Eventually I want to integrate the history of the animals that I photographed for this project. That’s something I thought of later so that is going to be a lot of work to track down again. It is so bizarre to have seen MILLIONS of stuffed animals just standing there in cellars, attics etc. without a ‘direct’ purpose, for me (as a taxidermy collector) that is the hardest thing to swallow.

 

 LS: I introduced the idea of landscape because I think the way Linnaeus built up his nomenclature structure, which basically works through comparisons and similarities, didn’t consider the question of where the specific object of study comes from, that is, the difficult and complex concept of landscape. Landscape can be considered to be one of the main genres of photography since its origins. What do you think ?

DVA: I think you are right, and landscape is what I know. I am not a biologist, I am an artist. Some museums follow the Linneus way of archiving their mounted animals, for me the problem with that is that it is hard to find interesting sceneries…. I went to Naturalis in Leiden, the Netherlands they have one of the biggest collections in the world. Ten floors of taxidermy, groups of zebra’s, penguins etc. I walked out with three images! Everything was put away so scientific that I couldn’t find anything that worked for me. The messier, the better for me. Then I will find sceneries that would be impossible in the wild because they would eat each other or are from different continents but in a mounted position, looking still the same, it works perfect.

 

 

 LS: Are you interested in showing what is ‘behind’ an official context, the animals become an excuse to tell the back of the Natural History Museums (eg: the  Natuurmuseum Brabant in Tilburg , is really just one out of 33 museums that you have visited)… to reveal a particular underwear or forgotten.

DVA: Definetely! Diane Arbus once said that the camera is a box of magic that grants you access to things you would normally never get to see. I am always drawn to the back of things, the darker side, the forgotten etc. My work is an excuse to go to places that I would normally never get access to without a project/ camera but am very interested in!

 LS: What inspires you?

DVA: Death, status, old money, perfect c-prints to name a few.

LS: Next projects ?

DVA: I am working on a series of grave flowers right now, bouquets that are a couple of days old on freshly dug graves. In a state of decay already but still representing their beauty. Flowers supposedly represent the soul and for centuries have accompanied us our whole life in happy and sad moments…. As from January I am going to start at the Rijksakademie in Amsterdam; that might bring some interesting new perspectives to my work.

 

www.daniellevanark.com

Interview curated by Camilla Boemio

Danielle Van Ark – Fotografo, Olanda

“The Mounted Life”

LS: La Tassonomia include anche, la branca della zoologia (la classificazione degli animali). Nel “The Mounted Life” mostra una serie di animali impagliati o di plastica. In pratica qual e’ l’idea della serie “The Mounted Life”?

DVA: Cominciai questa serie da un punto di partenza differente, stavo realizzando fotografie in bianco e nero di animali impagliati. Facendo cio’, dietro a me c’era un asino, immobile, che fisso’ la porta tutto il giorno… Quindi dopo averlo visto e fotografato, capi’ immediatamente che cio’ era interessante. Pensai che in questo tipo di ambientazione c’era di piu’ da scoprire e cominciai a mandare email ai musei di storia naturale nei Paesi Bassi, domandando se potessi fotografare le loro collezioni all’interno di sgabuzzini. Sono un’osservatrice e un po’ una guardona. Osservo come scenari e situazioni inavvertitamente vengono a crearsi, specialmente in luoghi che non dovrebbero essere visti da altre persone ad eccezione di coloro che hanno da fare li’. L’idea e’ di documentare questi oggetti inanimati che sono una replica di cio’ che loro stessi sono stati, e sono sistemati da un impiegato del museo in modo che tornino in vita di nuovo o che comincino un dialogo l’un con l’altro.

LS: Come distinguerebbe la sua posizione o il suo interesse da quelli di Hilla e Bernd Becher? Se penso alla taxonomia e alla fotografia, essi mi sembrano un punto di riferimento fondamentale.

DVA: In qualche modo penso di lavorare in maniera simile; nella maggior parte delle mie serie comicio da una stessa prospettiva o idea e continuo da li’ attraverso l’intero corpo del lavoro. Nel lavorare uso molto l’osservazione e senza alcuna interferenza. Sono molto rigida nel documentare quel che trovo e nel non “creare” qualcosa che non c’e’ dall’inizio. Lo faccio soltanto dall’angolo da cui fotografo.  Ma a differenza dei Becher, non voglio rendere il mio lavoro piu’ oggettivo e neutrale possibile; voglio creare qualcosa che sia aperto all’interpretazione, calda e possibilmente triste, divertente o drammatica.

LS: Questo tipo di lavoro ha cambiato il modo in cui guarda al mondo o e’ piuttosto una specie di sua visualizzazione?

DVA: No, questo progetto e’ stato nella mia vita per cinque anni e la gente ha  mostrato la tendenza a mettermi in relazione con l’imbalsamazione in maniera significativa negli ultimi due anni. Ho imparato molto in questo campo e ho visto come tutti i musei hanno il loro modo di sistemare e trattare gli oggetti. Ma cio’ non ha cambiato il modo in cui guardo alle cose. Ho scoperto che mi approccio a tutti i miei soggetti alla stessa maniera, sia un ufficio, fiori o animali deceduti.

LS: Lei ha scelto uno scenario, “un non luogo” per fotografare gli animali. Gli anonimi magazzini dove gli animali sono tenuti. Che idea vuole dare? Come sceglie i posti dove ambientare i suoi scatti?

DVA: Volevo creare qualcosa che non veniva mostrato, o che non era ancora cosi’ conosciuto. Nei musei viene data molta considerazione a tutto, ogni centimetro dev’essere discusso milioni di volte. Ma dietro le scene e’ un mondo completamente differente. Nello stesso stabile si puo’ riscontrare tutto tra il caos e la perfezione. Quello che trovero’ e’ sempre una sorpresa. Il contrasto tra i due fatti che fotografo, lo spazio e “gli animali”, non potrebbe essere piu’ grande. L’ambiente in cui sono posizionati, per la maggior parte muri di cemento, non potrebbe essere piu’ distante dal loro habitat naturale, ma comunque questi oggetti sembrano e danno la percezione d’essere veri. Nelle mie fotografie il contrasto e’ importante. Cerco due rendimenti che cozzano l’un con l’altro e che non sono supposti d’essere visti nella maniera in cui li mostro. Dopo aver trovato l’idea iniziale per questa serie, non ho piu’ operato scelte in realta’. Ho cercato di trovare il numero piu’ grande di musei alla mia portata, fino ad ora ne ho fotografati 33 in Europa e negli USA e ne sto cercando di piu’; qualsiasi suggerimento e’ il benvenuto!

LS: Avendo detto tutto cio’, sembra che la questione del paesaggio e da dove proviene sia pressante per lei.

DVA: Sono interessato alla storia delle cose, da dove arrivano e come, ma cio’ sarebbe piuttosto l’informazione di supporto per questo progetto. Alla fine voglio integrare la storia degli animali che ho fotografato per questo progetto. Questo e’ qualcosa a cui ho pensato dopo, quindi significhera’ molto lavoro per rintracciarla nuovamente. E’ stato cosi’ strano l’aver visto MILIONI di animali imbalsamati stare li’ in semi-interrati, soffitte, ecc… senza uno scopo “diretto”; per me (un collezzionista di cose imbalsamate) questa e’ la cosa piu’ difficile da mandare giu’.

LS: Ho introdotto l’idea del paesaggio perche’ penso che il modo in cui Linneo costitui’ la sua struttura di nomenclatura, che praticamente si basa su paragoni e similitudini, non considerava la questione del luogo dal cui un oggetto specifico veniva, ovvero, il concetto difficile e complesso di paesaggio. Il paesaggio puo’ essere considerato uno dei generi fotografici principali sin dalla sua origine. Cosa ne pensa?

DVA: Penso che abbia ragione, e il paesaggio e’ cio’ che conosco. Non sono una biologa, sono un’artista. Alcuni musei seguono il sistema di Linneo di archiviazione dei propri animali imbalsamati; per me il problema con cio’ e’ che e’ troppo difficile trovare scenari interessanti… Sono andata al Naturalis a Leiden, i Paesi bassi hanno una delle piu’ grandi collezioni al mondo. Dieci piani di tassidermia, gruppi di zebre, pinguini, ecc… . Ne uscii con tre ritratti! Tutto era stato esposto in maniera cosi’ scientifica che non riuscii a trovare nulla che facesse al caso mio. Piu’ disordine c’e’, meglio e’ per me. In questo modo posso trovare scenari che sarebbero impossibili in natura, perche’ si mangierebbero a vicenda, o perche’ provengono da continenti diversi, ma in una posa artefatta, entrambi immobili, funziona perfettamente.

LS: E’ interessata a mostrare cio’ che c’e’ “dietro” a un contesto ufficiale, gli animali diventano una scusa per far vedere il retro bottega del Natural History Museum (es.: il Natuurmuseum Brabant a Tilburg, e’ soltanto uno dei 33 musei che ha visitato)… aiutano a rivelare un particolare nascosto?

DVA: Certamente! Diane Arbus una volta disse che la macchina fotografica e’ una scatola magica che ti concede accesso a cose che normalmente non riusciresti mai a vedere. Sono sempre attirata dal retroscena delle cose, il lato oscuro, cio’ che viene dimenticato, ecc… Il mio lavoro e’ una scusa per andare in luoghi a cui normalmente non avrei mai accesso senza un progetto/macchina fotografica, ma a cui sono davvero interessata.

LS: Che cosa la influenza?

DVA: La morte, la condizione, soldi vecchi, stampe cromogeniche, per citare alcune cose.

LS: Progetti Futuri?

DVA: Sto lavorando su una serie di fiori tombali al momento, bouquets di un paio di giorni posti su tombe appena scavate. Di gia’ in uno stato di decomposizione ma che ancora rappresentano la loro bellezza. Pare che i  fiori rappresentino l’anima e per secoli ci hanno accompagnati durante la nostra vita intera, in momenti felici e tristi…A partire da gennaio, cominciero’ al Rijksakademie ad Amsterdam; cio’ potra’ portare nuove prospettive interessanti al mio lavoro.

www.daniellevanark.com

Intervista a cura di  Camilla Boemio