Max Sher Kars

max_sher_kars_001

School yard

max_sher_kars_002

Sarykamysh

max_sher_kars_003sostitutiva

Between Kars and Arpachay

max_sher_kars_004

Allahuekber (Allahu Aqbar) Mountains

max_sher_kars_005

Commemorative trek

max_sher_kars_006

Green Country Cafe

max_sher_kars_007

Telephone with a locked dial

max_sher_kars_008

Filiz, hotel maid

max_sher_kars_009

Insects at Entomology dept.

max_sher_kars_010

Jelil, 45 km to Kars

max_sher_kars_011

Sedat with his Fiat

max_sher_kars_012

Office

max_sher_kars_013

Gendarmes at crime scene

max_sher_kars_014

Deadly accident

max_sher_kars_015

Armenian border

Cambiai il passo da un ambio a un giro di trotto e arrivai quella sera a un villaggio turco distante dodici miglia da Kars. Essendo saltato giù dal mio cavallo volli entrare nella prima capanna, ma il proprietario apparve all’entrata e mi spinse via con una tempesta d’insulti. Io reagii al suo benvenuto con la mia elasticità. Il turco cominciò ad urlare, una folla si assembrò. La mia guida, sembrò, aveva intercesso a mio favore. Mi mostrarono un caravanserraglio, io entrai in una grande capanna rassomigliante a un capannone di bestiame; non c’era nessun posto dove stendere il mio mantello. Io chiesi un cavallo. Il capotribù turco venne da me. A tutte le sue incomprensibili parole io diedi la stessa risposta: verbana at (dammi un cavallo). I turchi non avrebbero acconsentito. Alla fine capii che dovevo mostrargli i soldi (cosa che avrei dovuto fare fin dall’inizio). Un cavallo fu portato immediatamente e mi fu data una guida. Andai a cavallo lungo un’estesa vallata, circondata da colline, presto vidi Kars, che spiccava bianca su una di esse. Il mio turco continuava a indicandomela, ripetendo Kars, Kars e mise il suo cavallo al galoppo. Lo seguii tormentato dall’angoscia: fu a Kars che si sarebbe deciso il mio destino.

Alexander Pushkin “A Journey to Arzrum”, 1829

Kars è una città nella Turchia nord orientale vicino al confine Armeno. Dal 1878 al 1918 era parte della Russia. Questo è il luogo dove è ambientata la novella “Snow” di Orhan Pamuk. La parola turca per “neve” è “kar”.

All images © courtesy of Max Sher

www.maxsher.com