Landscape Stories | Issue 08 | Editoriale

Works

Il primo giorno di lavoro è il più difficile, ci troviamo in luoghi nuovi con nuove persone, e tutto da imparare. L’ultimo giorno di lavoro può essere altrettanto duro, la fine di un ciclo, di un’esperienza e nuovi equilibri da costruire. Nel mezzo una vita intera. Accompagnano il lavoro tante speranze, energie, esperienze e tensioni.

Soprattutto nei periodi di grosse difficoltà economiche, come quello attuale, la parola lavoro diventa una parola vuota, perchè viene a mancare l’oggetto che dà senso a questa parola e “lavoro” diventa un termine astratto, senza senso, come molte altre parole usate in questi giorni, quali “crescita” e “fiducia”. Ma chi ha svuotato del loro significato tali parole?

Questo numero di Landscape Stories, con i progetti di ventidue fotografi, cerca di indagare il mondo del lavoro attraverso le immagini, grazie a diverse narrazioni che di volta in volta riescono a ridare un corpo e un senso a questa parola, con la speranza che il lavoro possa ritornare ad essere un “luogo” centrale nella nostra vita, dove poter coltivare speranze e aspirazioni. Buona visione e buon lavoro a tutti.

Landscape Stories 06/2012